Manovre

BOTTOM TURN

Il bottom turn, letteralmente "curva alla base", e' la manovra che, dopo la discesa dall'onda, ti riporta sulla spalla della stessa e ti permette di continuare a surfare con la giusta spinta. Durante la partenza dovresti gia' avere deciso il punto dove iniziare a curvare, la decisione dipende dalla forma dell'onda: se l'onda e' lenta devi iniziare a curvare completamente alla base, mentre se l'onda e' veloce devi mantenerti leggermente piu' alto sulla parete dell'onda. A seconda dell'onda e del surfer il bottom turn sara' eseguito front side o back side.

Bottom turn front side

Come regola generale cerca di prendere l'onda prima possibile in modo da avere piu' tempo per impostare la manovra. Una volta in piedi sulla tavola il piede di poppa deve essere posizionato con le dita leggermente rivolte verso il nose, poiche' questo facilitera' la rotazione dell'anca, evitando strappi al ginocchio.
Stai piu' basso possibile sulla tavola, in modo da mantenerti in equilibrio, concentrando la maggior parte del peso del corpo sul piede di poppa. Mentre scendi dall'onda in posizione accovacciata tieni il torace parallelo rispetto al nose, giarando la spalla davanti verso il bordo esterno della tavola, inoltre tieni lo sguardo fisso sul punto dove hai intenzione di eseguire la manovra.
Ora comincia il turn: per girare comincia a spostare il peso sulle dita dei piedi, spingendo cioe' il bordo interno della tavola e gradualmente spostando le anche in avanti e contemporaneamente alzandoti dalla posizione abbassata. Da questo momento le spalle sono fondamentali poiche' come giri le spalle gira anche la tavola. Quindi girale nella direzione in cui vuoi andare, cioe' verso la faccia dell'onda: mentre spingi in avanti la spalla anteriore, tira indietro quella posteriore. Piu' la spalla avanti sara' roteata in direzione del lip piu' il turn ti portera' verticale sull'onda. L'importante e' che le spalle lavorino come se fossero un unico pezzo che ruota su un perno.

Bottom turn back side



Nel bottom turn back side (di schiena all'onda) la posizione e' leggrmente diversa da quella del bottom turn front side: il piede di poppa infatti deve avere le dita rivolte maggiormente verso il nose, ed anche il piede davanti deve essere piu' angolato.
In partenza stai sempre basso sulla tavola, con gli occhi fissi sul punto in cui andrai a curvare.
Comincia la curva: fai pressione sul piede posteriore ruotando il ginocchio in avanti, sopra il bordo esterno, e spostando il sedere sul piede posteriore, verso poppa. Cio' comportera' una rotazione delle anche in direzione dell'onda. Allo stesso tempo, cercando di compiere un unico movimento fluido, ruota la spalla davanti verso l'onda. Aiutati girando anche la testa come a voler guardare il lip dietro di te. Piu' girerai il corpo in questo modo insieme alla spalla davanti e piu' il turn sara' radicale.

CUT BACK



Alla fine del bottom turn, se l'onda non e' abbastanza ripida da permetterti un re-entry, puoi fare un cut-back, ampia curva sulla cima dell'onda in una zona meno ripida. Con una buona velocita', dopo il botto turn, allontanati dalla sezione dell'onda che frange; ruota il busto e proietta le spalle e le braccia all'interno della curva.
Comincia la curva spingendo soprattutto con il piede di poppa. La pressione del piede sulla poppa deve essere proporzionata a condurre la tavola sul bordo interno senza farle perdere tenuta durante tutta la durata della manovra. Alla fine del cut back riporta la tavola in posizione piatta e ridistribuisci il peso su entrambi i piedi, fissando sempre il punto dove frange l'onda. A questo punto eseguirai un nuovo bottom turn, cercando di farlo piu' secco e veloce, per riportarti nella stessa direzione dell'onda.

OFF THE LIP



Letteralmente significa "contro il labbro dell'onda". Dopo aver risalito l'onda in seguito al bottom turn, questa manovra ti permette di rientrare in posizione di partenza utilizzando il lip dell'onda. Per fare un buon off the lip occorre velocita'. Quindi occorre fare prima un buon bottom turn per acquisire la velocita' necessaria.
Dopo il bottom comincia ad alzarti dall'accovacciamento, mentre risali la parete dell'onda spingi indietro le anche in modo da alleggerire il peso sul piede davanti e spostandolo per la maggior parte sul piede posteriore. Contemporaneamente gira le anche e il busto verso il punto del lip in cui vuoi andare. Anche in questa roteazione sono fondamentali le spalle, ruota la spalla davanti in direzione del lip, tirando all'indietro quella posteriore: piu' tiri piu' vai verticale. Tutto questo mentre il peso e' posizionato sul bordo interno della tavola.
Giunto sul lip comincia a spostare il peso sul bordo esterno ed a ruotare la spalla posteriore in senso opposto la rotazione precedente. Nel frattempo dovresti essere tornato in posizione accovacciata, che ti permettera' di rimanere bilanciato e di acquisire accelerazione, ed essere quasi tutto fuori dall'onda, pronto a girare e rientrare. Avvicinda il petto alle ginocchia, premi leggermente sul piede posteriore e ruota le anche in modo da rigirarti verso la parete dell'onda. Nel momento in cui ruoterai la spalla avanti verso l'onda, e con lei il busto e la testa effettuerai il turn. Successivamente mentre stai facendo un nuovo take off, ritorna in posizione accovacciata pronto per la prossima manovra.
N.B. Quando effettui l'off the lip front side, al momento del turn sul lip ruota la testa verso la faccia dell'onda, non volere fermarti a guardare gli spruzzi, poiche' cio' impedirebbe alla testa di girare e di conseguenza di effettuare un buon off the lip.

AERIAL



Sono quei trick dove il surfista perde il contatto con l'acqua, facendo un vero e proprio salto.
Negli anni passati venivano usati per uscire dall'onda... alla fine della surfata, con una buona velocità, e dopo un potente bottom turn, il surfista andava verso il lip, e anzi di fare off the lip, si lasciava andare usando l'onda come una rampa.
Oggi, molti surfisti, dopo aver fatto un aerials riescono a riatterrare sull'onda e a continuare la surfata.

TUBE



Sicuramente la forma dell'onda più ricercata è quella che lungo il suo frangere forma una sorta di tubo.
Usando le varie manovre, dosando la velocità e avendo un gran coraggio, il surfista riesce a surfare letteralmente dentro l'onda, provando la sensazione più emozionante di questo sport.

 

Il bollettino di Sicilsurf.it

Venerdì 15 Dicembre 2017
Sunrise: 07:11
Sunset: 16:50

Bollettino emesso:
3 GIORNI FA


probabilità, qualità, altezza stimata delle ondeprobabilità, qualità, altezza stimata delle ondeprobabilità, qualità, altezza stimata delle onde

Perturbazioni "a raffica".
Il susseguirsi di perturbazioni provenienti da W porterà sull'isola onde per tutta la settimana su tutte le coste esposte.Perturbazioni "a raffica".
Perturbazioni "a raffica".
In arrivo forti venti provenienti da SW che genereranno onde sulle coste esposte.
Good surf!

Rete Ondamentrica Nazionale

Dati momentaneamente non disponibili.

Il Calondario