Intervista a Saverio "Rino" Di Mauro

saverio

Il surf non è catalogabile, non lo si può delineare o descrivere senza rischiare di essere banali o del tutto imprecisi.

Ognuno di noi lo vive a modo suo, lo interpreta personalmente dandogli,volta per volta,una una propria faccia, un proprio connotato.

Oggi proviamo a chiedere il suo punto di vista, il proprio connotato a Saverio "Rino" Di Mauro, classe 1972, uno dei  precursori del surf siracusano.

Intervista a Saverio Rino Di Mauro a cura di Federico Salemi.

-Sei stato uno dei primi a sperimentare il surf da onda nella provincia di Siracusa, come è cominciata quest' avventura?

Ho iniziato a praticare windsurf fin dall’età di 16 anni, passando dalle regate di slalom alle session di wave e per perfezionarmi nelle uscite senza vento e con onda decisi di prendermi la mia prima tavola da surf la mitica 6’2” gialla costruita da Fabio Ruina. In poco tempo ho cominciato a provare le prime belle sensazioni nel surfare le onde libero dalla vela. Nello stesso periodo il caro amico Andrea “ L’italico” apprendeva i primi rudimenti del windsurf per poi passare definitivamente al surf, quindi  sempre insieme a beccare perturbazioni, con freddo e onde in testa, erano gli anni 90….. successivamente mi sono indirizzato verso le tavole longboard, perchè a mio modo di vedere, mi consentono di avere un rapporto più intimo e armonioso con l’onda.

-Dove c'è mare, c'è Rino. Ti conosco da tanti anni e conosco tutte le tue evoluzioni. Passi dal Kite-Surf al Windsurf, al Surf da onda con tavole lunghe e corte, adesso ti si vede sempre più spesso sul Sup in piedi sulla line-up. Quale disciplina ti dà le emozioni più forti ?

Mi affascina tutto quello che mi consente di surfare le onde. Cambio il "mezzo" in base alle condizioni che mi offre il mare, quindi passo dal windsurf al kitesurf o al SUP. L’idea è quella di essere un waterman completo. Ultimamente il SUP (Stand up paddle N.D.R) ha preso gran parte del mio tempo passato tra le onde, mi da la possibilità di surfare longboard style con una componente aggressiva tipica delle tavole corte quindi 2 in 1.

-Fra i numerosi viaggi che hai intrapreso durante tutti questi anni, quale è rimasto più impresso nella tua memoria ?

Il viaggio che mi è rimasto nel cuore ultimamente è stato quello fatto in Sardegna con la combriccola di Augusta, e poi come potrei mai dimenticare il viaggio fatto alla mecca del windsurf Maui, onde perfette e tanti nuovi amici locali che mi hanno insegnato il rispetto per l’oceano. Il viaggio alla ricerca delle condizioni migliori consente di migliorare il proprio modo di surfare ma non deve essere l’unica motivazione, confrontarsi conoscere nuove persone che condividono la mia stessa passione è ormai diventato predominante durante i miei viaggi.

- Cosa significa il surf e vivere il mare per te ?

Una volte avrei detto il surf è tutto… ora ti dico che rappresenta il miglior modo per avere il contatto con la natura, il momento in cui si stacca la spina e ci si ritrova da soli (tu e il mare).

-Ultimamente hai partecipato a varie competizioni, per ultima il "III Turtle Paddle Cup" dove ti sei classificato 5°. Come vedi l' organizzazione di questi eventi nazionali in Italia ?

A livello italiano I’organizzazione degli eventi sta crescendo sempre di più, le gare vengono chiamate sempre in condizione ottimali, grazie anche alla maggiore precisione delle previsioni meteo, come dimenticare la Capo Del Capo 2011 quattro metri di onda oceanica! e alla III Turtle Paddle Cup di Andora condizioni di sole e onda da fare invidia alla Sardegna coordinata dal frizzante e instancabile Paolo Colombini.

-Come vedi l' evoluzione del surf da onda in Sicilia ?

Il surf in Sicilia ultimamente sta crescendo tanto, ci sono tante nuove leve con tanta voglia di surfare e direi che lo sdoganamento del surf si è avuto ultimamente grazie ai numerosi video che girano in rete, prima esistevano solo le partite di calcetto del fine settimana che "tristezza".

-Quale consiglio ti senti di dare a chi vorrebbe provare il surf da onda ?

Il miglior consiglio che mi sento di dare è di iniziare con una tavola appropriata alle condizione di onda delle nostre coste (mini malibu o longboard), di chiedere consiglio ai surfisti con esperienza sugli eventuali pericoli di uno spot, e di avere tanta pazienza che dopo verrà ripagata delle bellissime emozioni del surf.

Click image to open!
Click image to open!
Click image to open!
Click image to open!
Click image to open!
Click image to open!
Click image to open!
Click image to open!
Click image to open!
Click image to open!

Commenti (5)
  • Gianko  - Grande!
    Grande Rino! un grazie a te e a tutti voi "pionieri" del surf in Sicilia! Gianko.
  • Elio
    Grande RHINOOOOOO!!!!! :woohoo:
  • gab
    hey ragazzi sopra c'è scritto neofita !! Oggi proviamo a chiedere il suo punto di vista, il proprio connotato a Saverio "Rino" Di Mauro, classe 1972, uno dei neofiti del surf siracusano. significa nuovo nato come dire che ha cominciato da poco... secondo me volevate scrivere un altra cosa...
  • hastaluego!  - Il vero neofita sono io :)
    Hai ragione Gab, errore mio che ho scritto l' articolo un pò di fretta e poi non ho riletto. Chiaramente il termine è inappropriato, avrei dovuto scrivere precursore, adesso provvedo a correggere. Grazie per il commento !
  • ico
    bella Rino sei il numero 1.... ohh ohh!! :)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch::(:shock:
:X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):S:!::?::idea::arrow:
 

Il bollettino di Sicilsurf.it

Domenica 26 Maggio 2019
Sunrise: 05:47
Sunset: 20:17

Bollettino emesso:
508 GIORNI FA


probabilità, qualità, altezza stimata delle ondeprobabilità, qualità, altezza stimata delle ondeprobabilità, qualità, altezza stimata delle onde

Perturbazioni "a raffica".
Il susseguirsi di perturbazioni provenienti da W porterà sull'isola onde per tutta la settimana su tutte le coste esposte.Perturbazioni "a raffica".
Perturbazioni "a raffica".
In arrivo forti venti provenienti da NW che genereranno onde sulle coste esposte.
Good surf!

Rete Ondamentrica Nazionale

Dati momentaneamente non disponibili.

Il Calondario